Breve e curiosa storia del bambino che corresse il Natural History Museum di Londra sui dinosauri

Che in un museo – anche celebre ed autorevole come il Natural History Museum di Kensington, a Londra – possa sbagliare una didascalia è cosa che può capitare. Fa più notizia, però, se a individuare e segnalare l’errore – ed a farlo correggere – è un bambino di dieci anni.

Protagonista della storia è Charlie Edwards, che si godeva la sua visita notturna con la mamma ed il fratello all’interno della struttura museale – attratto, come molti, dalla sezione riservata ai dinosauri, di cui è un appassionato sin da piccolissimo – quando si è accorto che secondo la didascalia avrebbe dovuto essere un Oviraptor – un piccolo carnivoro con un becco di pappagallo – era, in realtà, un dinosauro completamente diverso, della famiglia Triceratops.

Così il piccolo ha avvisato i genitori, inizialmente scettici del fatto che il figlio potesse arrivare a correggere un’istituzione come il Natural History Museum, hanno inizialmente soprasseduto. Ma la tenacia di Charlie è all’altezza della sua competenza in tema di dinosauri, ed insistendo ha convinto i genitori, una volta tornati a casa, a inviare una mail al museo raccontando la vicenda. Immaginate la sorpresa della mamma quando ha  ricevuto una risposta che confermava che la veridicità dell’osservazione di Charlie, che ha poi ricevuto una lettera del museo che lo ringraziava per il suo contributo.

In fondo, il piccolo è sin dall’età di tre anni che vuole diventare un paleontologo, e legge tantissimo in materia. “Charlie ha la sindrome di Asperger – ha spiegato la mamma ai media inglesi – e quando gli piace un soggetto cerca di scoprire tutto in materia: così in questi anni ha letto tanto, tra libri ed enciclopedie”. Attendendo sempre come una festa le visite al Natural History Museum, a cui ora ha, di fatto, dato il suo contributo. “Siamo molto colpiti dalla conoscenza di Charlie e speriamo che la sua passione per la paleontologia possa continuare”, le parole del portavoce del museo.

 

 

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>