Coppa del Mondo, Parigi trepidante per la finale di oggi – Ecco dove vedere la finale: schermi giganti sotto la Tour Eiffel

Giungono al termine oggi pomeriggio i Campionati del Mondo di calcio di Russia 2018: e l’epilogo è la finalissima tra Francia e Croazia.

Per chi si trova a Parigi, da residente o da turista, c’è la possibilità di vivere la finale in una maniera curiosa e coinvolgente: la Mairie de Paris ha, infatti, predisposto degli schermi giganti a Champ-de-Mars, proprio ai piedi della Tour Eiffel: ingresso a partire dalle 13 grazie a sei entrate divise tra rue Rueff e l’école militaire: si consiglia di andare senza borsa per facilitare i controlli.

Naturalmente, sarà possibile vedere la partita anche in numerosi bar, pub e ristoranti della capitale: questo link si sortiraparis.fr ne segnala alcuni.

L’occasione – abbinata fra l’altro alle celebrazioni di ieri, 14 luglio – ha richiesto la predisposizione di un complesso dispositivo di sicurezza: un’intera area compresa tra Champs de Mars e la Torre Eiffel (che sarà chiusa al pubblico) sarà pedonalizzata dalle 13 alle 21 di oggi. In caso di vittoria della squadra francese, l’estensione dell’area pedonalizzata aumenterà in modo significativo, come da questa mappa,  con il divieto di circolazione che sarà mantenuto da oggi alle 18 fino a lunedì alle 4 del mattino.

Il quartier generale della polizia chiarisce come “l’introduzione, il possesso, il trasporto e il consumo di bevande alcoliche, tranne che in alcune parti del perimetro regolarmente occupato da proprietari ristoranti e pub approvazioni necessarie” saranno vietati, come il trasporto e l’utilizzo di fuochi d’artificio, articoli pirotecnici, armi da fuoco, anche giocattolo e tutte le cose che possano rappresentare un’arma come definito nella sezione 132- 75 del codice penale.

Se, poi, Mbappé o Griezmann dovessero vincere la Coppa, è già in programma una sfilata della squadra – trofeo in mano – sugli Champs Elysees a Parigi: ancora da definire bene il giorno, tra lunedì 16 o martedì 17 luglio. Per ora, scaramanticamente, per i tifosi meglio non pensarci.