Inter questione rinnovi 2023, chi tenere e chi salutare?

https://unsplash.com/it/foto/Pf0YT8q0Da0

Il campionato mondiale di calcio in Qatar 2022 è finito da qualche giorno con la vittoria dell’Argentina, che si è laureata campione del mondo sconfiggendo la Francia ai calci di rigore dopo un partita che tutti considerano già leggendaria!

Alla finale, ha partecipato anche quel Lautaro Martinez, entrato nei tempi supplementari, e uomo di mercato dell’Inter, assieme a Lukaku, che ha deluso con il suo Belgio, eliminato ai gironi dal sorprendente Marocco. Per l’argentino c’è forte interesse da parte delle grandi d’Europa, ma è difficile pensare che la squadra nerazzurra possa privarsi di un fresco campione del mondo, autore già di 7 reti in campionato, e perno dell’attacco già a gennaio. Molto più probabile che a partire sia proprio il belga invece, che sta passando un’altra stagione tribolata, causa infortuni e precaria condizione fisica: il suo sostituto naturale, Dzeko, nonostante l’età – 36 anni -, sta disputando un’altra ottima stagione, e ha realizzato finora 6 reti in campionato e 3 in Champions. Difficile lasciarlo partire a gennaio.

Tiene banco invece lo slovacco Skriniar, già da qualche tempo in odor di cessione, nonostante sia un difensore solido e dal rendimento costante. Si parla infatti di sostituirlo con l’ex-Napoli, ora al Chelsea, Koulibaly, che tornerebbe in Italia molto volentieri, dopo la felice parentesi al mondiale con l’ottimo Senegal, battuto dagli inglesi agli ottavi.

Il presidente Zhang, che ha necessità di far quadrare i conti non proprio in ordine della società, sta valutando però la cessione dei pezzi pregiati a giugno: l’olandese Dumfries che ha disputato un buon mondiale con la sua Olanda, e uno o più big tra Lautaro, Brozovic e Barella, fermo restando il discorso già detto su Lukaku. L’intenzione è di rimpiazzarli ringiovanendo la rosa con l’ottimo attaccante esterno francese, Thuram, che ha fatto un figurone al mondiale, l’emergente difensore in forza all’Atalanta Scalvini e l’americano Musah che si è distinto con la sua nazionale in Qatar.

Come sempre, i movimenti di mercato incidono in qualche modo anche sulle scommesse calcio future, i bookmakers sono pronti a rivedere le loro posizioni in base alle notizie. Ad oggi, il superfavorito per la vittoria dello scudetto è il Napoli di Spalletti, che per ora non sembra avere rivali, quotato a 1.50. A seguire il Milan a 6.50 e l’Inter di cui abbiamo parlato oggi a 7.50. In risalita le quote della Juventus a 8, tuttavia, con le grane societarie in corso, potrebbero esserci sorprese.

Le mosse di mercato a gennaio cambieranno lo scenario? Staremo a vedere!