“L’aria sporca e tossica di Londra è una emergenza sanitaria”: l’allarme del sindaco che annuncia misure urgenti

london air pollution

“L’aria sporca e tossica di Londra” è diventata una “emergenza sanitaria” che sta uccidendo migliaia di persone ogni anno: a lanciare l’allarme sulla (pessima) qualità dell’aria londinese è di nuovo il sindaco della capitale britannica, Sadiq Khan, che addirittura ha parlato di problemi allo sviluppo dei polmoni dei bambini che crescono nell’area metropolitana.

L’occasione per le decise esternazioni di Khan – che ha definito “vergognosa” la situazione – è stato il discorso che lo stesso ha tenuto ieri sera alla cena del governo londinese a Mansion House.

Su queste basi, Khan ha lanciato i programmi per il miglioramento in termini di inquinamento atmosferico, con l’introduzione di una zona a bassissima emissione nel centro di Londra, che dovrebbe entrare in vigore in aprile e sostituire l’attuale T-charge: ciò significa che la maggior parte dei veicoli dovrà soddisfare standard di emissione più severi o pagare una tariffa giornaliera, e la zona interessate si espanderà, secondo l’ufficio del sindaco, per includere inner London a partire dall’ottobre 2021. Questo, almeno, quanto riportato oggi dall’Evening Standard.

Rivolgendosi a un pubblico che includeva personalità del governo e rappresentanti delle imprese durante l’evento, ha dichiarato: “Le prove sono ora incontrovertibili: la dannosa qualità dell’aria di Londra è diventata un’emergenza sanitaria pubblica. Non c’è altro modo di inquadrarla: migliaia di londinesi ogni anno muoiono prematuramente nella nostra città come conseguenza diretta della nostra aria sudicia e tossica. Alcuni bambini che vivono e studiano nei punti di inquinamento, che spesso si trovano nelle parti più povere della nostra città, stanno crescendo con polmoni sottosviluppati e rachitici. Questo non è solo inaccettabile, è vergognoso”.

L’inquinamento atmosferico è legato alla morte prematura di circa 40.000 persone all’anno nel Regno Unito e causa problemi come malattie cardiache e polmonari e asma. E secondo le stime dell’ufficio del sindaco, circa 9000 londinesi muoiono prematuramente a causa dell’aria inquinata.

Altre misure introdotte da Khan prevedono una spesa di oltre 300 milioni di sterline per adeguare gli scarichi di migliaia di autobus ad una tecnologia in grado di ridurre le emissioni nocive.