Londra, era l’opera di street art più alta del Regno Unito, ma è stata demolita: ora all’asta l’unica parte sopravvissuta

stik big mother londonIn fondo, nella filosofia della street art rientra anche il suo essere spesso e volentieri temporanea, a rischio, travolta dal cambiamento che tocca l’urbanizzazione, lo sviluppo cittadino senza guardare in faccia nulla e nessuno. E, anzi, proprio l’essere soggetta a questi mutamenti ne arricchisce, a volte, il significato delle opere, che resta nelle memorie e nelle testimonianze potenziato dagli eventi che le coinvolgono.

Può essere questo il caso di “Big Mother”, murale che – i più informati sul panorama dell’arte di strada londinese non faranno fatica a identificarlo – fa capo alla creatività di STIK, le cui molto riconoscibili figure sono rintracciabili in vari angoli della capitale.

Big Mother, in particolare, rappresentava quello che era considerato il murale più alto dell’Intera Gran Bretagna, sul fianco di Charles Hocking House,  una palazzina di 13 piani ad Acton, ad ovest rispetto al centro di Londra. Realizzata nel 2014, l’opera, per stessa ammissione di STIK, “rappresentava le famiglie vulnerabili e la necessità di alloggi pubblici”.

Parliamo al passato, perché l’intera palazzina è stata recentemente demolita, portando con sé, naturalmente, l’opera dello street artist. “Ma la distruzione del blocco di edilizia pubblica su cui è stato dipinto non fa altro che aggiungere valore al suo significato”, ha prontamente commentato STIK.

Se la stragrande maggioranza del murale si trova ora, quindi, in un cumulo di macerie, una piccola parte è stata salvata: merito dell’azione dell’associazione di beneficenza ARTification, che gestisce un programma di arti gratuite per i residenti della zona, che ha messo in salvo una sezione di mattoni verniciati a spruzzo di 2,8 metri. La sezione, incorniciata, andrà domani, 5 dicembre, all’asta a Phillips – dove resterà esposta almeno sino all’asta stessa – e il ricavato della vendita aiuterà ARTification “ad approfondire ed estendere l’opera celebrando arte, cultura e comunità”.

Stik | ‘Big Mother’ from Phillips on Vimeo.