Un nuovo look da 400 milioni di dollari per il MoMA di New York che resterà chiuso da giugno a ottobre

Chi ha in mente di fare un bel viaggio a New York in estate o in autunno deve certamente considerare che non potrà visitare il
MoMA, il Museum of Modern Art.

Con un budget di 400 milioni di dollari, infatti, è prevista la revisione del museo, che resterà chiuso dal 15 giugno al 21 ottobre, quattro mesi per riconfigurare le sue gallerie, reinterpretare l’intera collezione e ripensare il modo in cui la storia dell’arte moderna e contemporanea viene presentata al pubblico.

Il progetto di estensione del MoMA, seguito dagli
architetti Diller Scofidio e Renfro, aggiungerà il 30% di spazi espositivi, ulteriori 15mila metri quadrati, nuovi spazi flessibili dedicati al design contemporaneo, alla performance e al cinema. Le gallerie esistenti si espanderanno verso ovest attraverso 53W53, il nuovo grattacielo residenziale progettato da Jean Nouvel.

In generale nel piano di revisione sono previsti, oltre che quelli strutturali, dei cambiamenti nella gestione del museo e dell’arte: nonostante resteranno le grandi, più conosciute opere, da Picasso a Van Gogh, verrà lasciato più spazio all’arte emergente, quella meno familiare, opere di donne, latini, asiatici, afro-americani e altri artisti trascurati come Shigeru Onishi, un fotografo sperimentale giapponese, o Hervé Télémaque, un pittore di origine haitiana che ora ha 81 anni.

Il nuovo museo inoltre aprirà prima, alle 10 del mattino; il primo giovedì di ogni mese chiuderà alle 21; per i soci un nuovo ingresso dedicato e il check per il cappotto e l’ingresso alle 9:30.