“Arte e Musica”: il turistico del Paolo Savi di Viterbo protagonista a Caffeina

Riceviamo e pubblichiamo

All’interno degli eventi promossi dall’indirizzo turistico del “Paolo Savi” di Viterbo per Caffeina, si sono tenuti due originali concerti a S. Maria della Salute dal titolo: “Arte e Musica”.

Il tema unificante delle esperienze proposte è stato quello della valorizzazione del territorio che diventa, così, capace di raccontarsi, in una sorta di museo diffuso attraverso tutte le sue potenzialità più caratteristiche. Un museo fatto di arte, natura, popolazione che, giorno dopo giorno, vivono anche con il turista la propria identità culturale di comunità che si arricchisce nello scambio di esperienze e proposte.

L’ idea di un percorso in cui monumenti e musica si valorizzino scambievolmente regalando al turista suggestioni uniche, era già stata sperimentata durante le scorse feste natalizie, con successo e soddisfazione di tutti i partecipanti.

Nel caso dell’evento a Caffeina, l’espressione artistica di un maestro che predisponeva il materiale per eseguire contestualmente un affresco, veniva accompagnata dalla musica che realizzava, così, un connubio incantato con l’immagine che il maestro andava realizzando. Tanto più prezioso, perché l’artista mostrava come, nel corso dei secoli, era stato possibile utilizzare terre del territorio stesso per ricavarne colori da impiegare negli affreschi, restituendo all’opera d’arte l’armonia e il sapore del luogo in cui nasceva.

I musicisti Gabriella Bussu e Gabriele Lotichius con flauto e chitarra hanno reso questa costruzione artistica, un laboratorio indimenticabile di colori e suoni insieme, donando agli spettatori un’esperienza unica tra le affascinanti lesene di S. Maria della Salute, in cui l’esecuzione fresca e giovane dei due musicisti è stata valorizzata pienamente.

L’idea di raccontare la città attraverso un percorso turistico che coinvolga musica e arti è risultato senz’altro originale e coinvolgente, soprattutto per i giovani delle scuole superiori e del Liceo Musicale che con lodevole slancio e generosità si sono spesi per questa iniziativa che significa anche narrare la storia stessa della città.

Un doveroso ringraziamento va rivolto a tutti coloro che hanno creduto nel progetto del “Paolo Savi” e hanno dato la possibilità di regalare momenti magici al turismo Viterbese.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>