Immigrati a Santa Fiora: “Se il Sindaco davvero non sapeva si dimetta”

Riceviamo e pubblichiamo

“L’assemblea pubblica di Marroneto, (tenutasi ieri sera di fronte a circa 80 persone), ha messo in evidenza ancora una volta le responsabilità politiche e personali del Sindaco e dei consiglieri comunali che lo sostengono. La poca credibilità che Balocchi aveva l’ha persa tutta con questa vicenda.

Balocchi ha detto che è pochissimo tempo che sa del progetto di far arrivare immigrati a Marroneto: o il Sindaco ha mentito sapendo di mentire, oppure è bene che prenda le sue cose e se ne vada perché non è in grado di svolgere il suo mandato.

Infatti è da circa un anno che nell’ex Albergo il Caminetto vengono fatti lavori di adeguamento dopo anni di chiusura definitiva: l’hanno fatto all’insaputa dell’Amministrazione comunale? Balocchi vuol far credere alla popolazione che non sapeva niente? Se così fosse si dimetta oggi stesso e dica alla popolazione che non ha nessun potere nel suo comune. Ma pare evidente che sapessero del progetto per ospitare circa 40 immigrati e sono stati costretti a venire allo scoperto solo ed esclusivamente perché il nostro gruppo consiliare ha presentato una interrogazione e reso la cosa di pubblico dominio, altrimenti il progetto si sarebbe compiuto così com’è in poche settimane.

Ma è il Sindaco che può decidere sulla questione immigrazione con mille strumenti a sua disposizione. Dunque si prenda per una volta le proprie responsabilità senza tirare in campo il Prefetto, il ministro ed altri: solo lui può determinare se accogliere o meno immigrati nel nostro comune.

Vedremo quello che faranno questi amministratori comunali, ma non raccontino, come hanno fatto in Assemblea, che saranno “costretti”: sarà una decisione politica che riguarda tutto il comune e non solo la frazione di Marroneto e la prenderanno, se non l’hanno già fatto, proprio loro che comandano il comune.

Si utilizzano gli immigrati come merce di scambio, come affare economico sotto le bandiere della solidarietà e questo è inaccettabile perché gli interessi sono ben diversi. C’è un interesse di soldi enorme dietro questa vicenda con molte persone coinvolte ed è per questo che l’Amministrazione non prende ufficialmente posizione: vedremo se nei prossimi giorni il Sindaco si degnerà di convocare l’organo sovrano, che ricordiamogli essere il Consiglio Comunale e non certo un tavolo di trattativa, e rispondere alla nostra interrogazione.

Abbiamo consegnato al Sindaco nell’assemblea anche una mozione affinché il Consiglio comunale esprima il proprio parere ufficiale in merito al progetto: ma i cittadini sappiano che è già stato deciso tutto, si tratta solo di capire il numero di arrivi”.

I consiglieri comunali Un Comune per Tutti
Riccardo Ciaffarafà
Giacomo Albertini
Paolo Vichi

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>