Istat, al via le rilevazioni sperimentali del censimento permanente

Da ieri ha preso avvio la prima delle due rilevazioni sperimentali del Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni che dal 2018 sostituirà la tradizionale rilevazione a cadenza decennale. Il passaggio al Censimento permanente consentirà di rendere disponibili annualmente informazioni a forte dettaglio territoriale, di ridurre i costi complessivi delle operazioni censuarie e l’impatto organizzativo per i Comuni. Infine, l’utilizzo dei risultati del censimento permanente nell’ambito di altre indagini alleggerirà il disturbo per le famiglie e più in generale per i rispondenti coinvolti nelle rilevazioni dell’Istat e di altri enti pubblici.

La Rilevazione sperimentale ieri al via serve per testare le nuove metodologie e al tempo stesso acquisire dati socio-economici sulla popolazione; la conclusione è prevista per il 4 luglio. I comuni coinvolti sono in tutto 25 mentre ammontano a 12.400 le famiglie selezionate nel campione alle quali è richiesto di compilare autonomamente il questionario sul web o, in alternativa, con l’aiuto di incaricati del proprio comune: solo nel caso di mancata restituzione del questionario interverranno i rilevatori incaricati dallo stesso comune.

La seconda Rilevazione sperimentale ha invece l’obiettivo di valutare la qualità del registro anagrafico: partirà il 19 maggio e chiuderà il 26 giugno. In questo caso è prevista la tradizionale formula del “porta a porta”: le 26.500 famiglie selezionate, distribuite su un campione di 8.800 indirizzi in 26 comuni, riceveranno la visita di un rilevatore munito di tablet che procederà alle interviste.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>