A concludere “Ipazia” a Calcata il concerto di musica preislamica con Siamak Guran

Riceviamo e pubblichiamo

La magia della musica preislamica e dei suoi antichi strumenti faranno da sfondo alla giornata conclusiva della rassegna d’arte Ipazia a Calcata, organizzata dall’associazione IpaziaImmaginepensiero Onlus con il patrocinio della Regione Lazio e del Parco Valle del Treja.

Il 14 maggio, alle 17:30, al Palazzo degli Anguillara il maestro Siamak Guran si esibirà in concerto accompagnato da Rodofo Baroncini, che con il suo violino darà vita all’incanto della fusione tra musica occidentale e orientale.

Siamak Guran nasce in Iran nel 1973 all’interno di una tribù curda che si riconosce nella cultura e nella filosofia dell’ordine degli Yarsan. Tradizionalmente per gli Yarsan qualsiasi manifestazione della vita quotidiana e rituale viene accompagnata da musica e canti, denominati Kalam. Questa tradizione musicale è antichissima, precedente l’avvento dell’Islam. È giunta all’artista per trasmissione orale, come avviene da secoli da discepolo a maestro e non ne esiste forma scritta anche perché gli elementi fondamentali che la caratterizzano sono l’improvvisazione e la sintonia con chi lo ascolta. Repertori e occasioni musicali sacri convivono con canti e danze legate al repertorio profano che celebra nascita, morte, matrimonio, amore. Siamak Guran è uno dei pochissimi  eredi e per alcuni versi unico depositario di questo patrimonio popolare. Vive in Italia dal 1999 e tiene regolarmente concerti e lezioni. Partecipa a trasmissioni radiofoniche e compone musiche per il teatro. Oltre alla voce usa antichi strumenti come il Tanbùr, il Setàr, il Tàr e il Dàf.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>