“Gelato sospeso”: al Bar Giglio a Tarquinia paghi due gelati, ma uno lo offri a chi non può permetterselo

Riceviamo e pubblichiamo

Curiosa quanto apprezzabile iniziativa quella a cui ha aderito il Bar “Il Giglio” di Tarquinia: d’ora in poi, chi si recherà a prendere il gelato presso la struttura può pagare due gelati, mangiandone uno e lasciando l’altro a disposizione di chi arriverà, magari un bambino o una bambina i cui genitori non possono permetterselo.

L’iniziativa, che ha il patrocinio gratuito della Regione Lazio, si intitola “Gelato sospeso”, e muove naturalmente i passi dalla tradizione d’origine napoletana legata al caffè e basata sulle identiche modalità. Lasciando l’offerta nel vaso trasparente messo a disposizione delle gelaterie che hanno aderito all’iniziativa, viene emesso uno scontrino al momento della consegna del gelato alla famiglia che lo riceverà. Dal sito e dai social di Salvamamme è possibile avere la mappa dei locali che hanno aderito all’iniziativa.

5 commenti su “Gelato sospeso”: al Bar Giglio a Tarquinia paghi due gelati, ma uno lo offri a chi non può permetterselo

  • Ma chi è che ritira fuori queste iniziative fuori dal tempo??
    Ma chi pensano di imbambolare??
    Secondo voi al giorno d’oggi esistono genitori che non hanno un euro per comprare un gelato al proprio figlio, il quale, con la faccina triste e sconsolata guarda fuori la vetrina della gelateria sapendo che non potrà mai mangiarne uno?
    Ma a quale film del dopoguerra si sono ispirati?
    Ma per cortesia…meno cavolate finto-strappacuore e più sensatezza!!

    [Non apprezzato] Thumb up 11 Thumb down 8

  • Salvamamme ha scritto:

    Purtroppo è male informato, la povertà in Italia è ancora una realtà presente, anche per tanti italiani che stentano a pagare un affitto. Il gelato, per chi magari ha più di un figlio e non può permettersi di andare in vacanza, rappresenta un piccolo piacere. Non partecipare è lecito, insinuare cattiverie è veramente triste.

    [Apprezzato :)] Thumb up 10 Thumb down 3

  • Ma mi faccia il piacere!!!!!!!!!!
    Io invece, guardi un pò, trovo triste questo finto buonismo fuori luogo (e ripeto fuori dal tempo)!
    E ripeto anche: non credo nel modo più assoluto che, per quanto ci si possa trovare in difficoltà, non si possa avere un euro o due per comprare un gelato a un figlio!
    È totalmente inverosimile!
    Il non poter pagare un affitto o pagarsi una vacanza è ben altro discorso, che nulla a che vedere con il costo di un gelato!
    Ma poi immagino la scena , entrando in gelateria, dove ci sono anche altre persone:
    “Buonasera….mio figlio vorrebbe un cono, ma non ho un euro per poterglielo comprare…..per caso qualcuno lo ha lasciato pagato?”
    Che umiliazione soprattutto per quel bambino….una scena che neanche durante la guerra!
    Io genitore farei a meno del mio pane pur di non arrivare a fare una cosa simile!!!
    Quindi, Salvamamme, se pensava di tacciarmi accusandomi di cattiveria, si sbaglia di grosso, anzi le dico che non glielo permetto, dal momento che io non ho accusato nessuno, ma ho espresso un’opinione personale!

    Thumb up 3 Thumb down 3

  • Insultiamo allora anche tutte le mense per poveri, la caritas, Semi di Pace e la croce rossa e le altre iniziative solidali, perché alla fine tre euro per un panino ce l’hanno tutti.
    Caro/a “Favole”…. non so chi sei… l’umiltà si impara se certe situazioni le hai vissute, ma è possibile essere umili anche se ti è sempre venuto tutto dal cielo. In poche parole non hai molte scuse… poca boria, che prima o poi della solidarietà altrui ne abbiamo bisogno tutti, anche per un “semplice” gelato!

    Thumb up 4 Thumb down 2

  • sempre peggio ha scritto:

    il non essere d’accordo ad una iniziativa ci stà tutto…
    ma denigrare in questo modo le iniziative di questo genere è veramente irrispettoso,
    nei confronti di chi ha di bisogno!!!!
    l’umiltà “favole” non sai nemmeno dove stà di casa….
    per fortuna che il pensiero non è lo stesso per gran parte della popolazione….

    Thumb up 1 Thumb down 2

  • Favole

    Ma chi è che ritira fuori queste iniziative fuori dal tempo??
    Ma chi pensano di imbambolare??
    Secondo voi al giorno d’oggi esistono genitori che non hanno un euro per comprare un gelato al proprio figlio, il quale, con la faccina triste e sconsolata guarda fuori la vetrina della gelateria sapendo che non potrà mai mangiarne uno?
    Ma a quale film del dopoguerra si sono ispirati?
    Ma per cortesia…meno cavolate finto-strappacuore e più sensatezza!!

    [Non apprezzato] Thumb up 11 Thumb down 8

  • Salvamamme

    Purtroppo è male informato, la povertà in Italia è ancora una realtà presente, anche per tanti italiani che stentano a pagare un affitto. Il gelato, per chi magari ha più di un figlio e non può permettersi di andare in vacanza, rappresenta un piccolo piacere. Non partecipare è lecito, insinuare cattiverie è veramente triste.

    [Apprezzato :)] Thumb up 10 Thumb down 3

  • Favole

    Ma mi faccia il piacere!!!!!!!!!!
    Io invece, guardi un pò, trovo triste questo finto buonismo fuori luogo (e ripeto fuori dal tempo)!
    E ripeto anche: non credo nel modo più assoluto che, per quanto ci si possa trovare in difficoltà, non si possa avere un euro o due per comprare un gelato a un figlio!
    È totalmente inverosimile!
    Il non poter pagare un affitto o pagarsi una vacanza è ben altro discorso, che nulla a che vedere con il costo di un gelato!
    Ma poi immagino la scena , entrando in gelateria, dove ci sono anche altre persone:
    “Buonasera….mio figlio vorrebbe un cono, ma non ho un euro per poterglielo comprare…..per caso qualcuno lo ha lasciato pagato?”
    Che umiliazione soprattutto per quel bambino….una scena che neanche durante la guerra!
    Io genitore farei a meno del mio pane pur di non arrivare a fare una cosa simile!!!
    Quindi, Salvamamme, se pensava di tacciarmi accusandomi di cattiveria, si sbaglia di grosso, anzi le dico che non glielo permetto, dal momento che io non ho accusato nessuno, ma ho espresso un’opinione personale!

    Thumb up 3 Thumb down 3

  • mah

    Insultiamo allora anche tutte le mense per poveri, la caritas, Semi di Pace e la croce rossa e le altre iniziative solidali, perché alla fine tre euro per un panino ce l’hanno tutti.
    Caro/a “Favole”…. non so chi sei… l’umiltà si impara se certe situazioni le hai vissute, ma è possibile essere umili anche se ti è sempre venuto tutto dal cielo. In poche parole non hai molte scuse… poca boria, che prima o poi della solidarietà altrui ne abbiamo bisogno tutti, anche per un “semplice” gelato!

    Thumb up 4 Thumb down 2

  • sempre peggio

    il non essere d’accordo ad una iniziativa ci stà tutto…
    ma denigrare in questo modo le iniziative di questo genere è veramente irrispettoso,
    nei confronti di chi ha di bisogno!!!!
    l’umiltà “favole” non sai nemmeno dove stà di casa….
    per fortuna che il pensiero non è lo stesso per gran parte della popolazione….

    Thumb up 1 Thumb down 2