Moria di pesci nel fosso delle Saline: colpa delle acque ferme

Uno strano fenomeno è stato notato, nel weekend, dai frequentatori delle spiagge delle Saline di Tarquinia: lungo il fosso circondario che delimita l’oasi naturale, ed in particolare nel tratto proprio all’altezza del ponticello che si attraversa per giungere dal parcheggio alla spiaggia, era evidente la presenza di numerosi pesci morti.

Un evento che ha portato a varie segnalazioni, anche al nostro giornale, e che – abbiamo scoperto – sarebbe legato all’ipossia, cioè all’insufficiente presenza di ossigeno causata dalle acque ferme di quel tratto. Il fosso, infatti, non sfocia da qualche settimana a mare, perché la sabbia accumulatasi non lo consente, e la contemporanea assenza di piogge rende impossibile il ricambio d’acqua. Le alte temperature hanno fatto il resto.

7 commenti su Moria di pesci nel fosso delle Saline: colpa delle acque ferme

  • Qui tutto è fermo ha scritto:

    Io non dico di fare la danza della pioggia, ma almeno fare in modo che il fosso possa sfociare in mare aprendo un varco nella “sabbia accumulatasi?
    Forse richiede “troppa” fatica?
    Meglio lasciare tutto così…con quel poco di acqua putrida e stagnante piena di pesci a pancia in su ormai da MOLTI giorni!
    Ma l’incuria, la trasandatezza, il menefreghismo e il passarsi la palla a vicenda invece di agire, da parte di chi dovrebbe fare il proprio dovere istituzionale, fanno parte ormai del nostro vivere…

    [Apprezzato :)] Thumb up 9 Thumb down 3

  • guido la piazza ha scritto:

    Domandine SENZA intento polemico: ma la cura dell’oasi naturalistica delle saline a chi fa capo? oppure il fosso è esterno ad essa? e, nel caso sia esterno, a chi fa capo la sua (del fosso…) cura/manutenzione?
    Grazie per eventuali chiarimenti.

    Thumb up 5 Thumb down 2

  • Speranza ha scritto:

    Ma la guardia forestale dove è?
    Gli operai del comune? O forse ci stiamo abituando alla sporcizia dato che anche noi cittadini su quello stradella ci buttiamo di tutto! !

    [Apprezzato :)] Thumb up 6 Thumb down 1

  • habitué delle saline ha scritto:

    @guido la piazza
    Il fosso circondario è esterno alla riserva ed la manutenzione la cura il consorzio di bonifica. Stamani ho visto personale della ex forestale rimuovere i pesci e mi hanno gentilmente spiegato che erano rimasti intrappolati dall’ultima mareggiata e morti per mancanza di ossigeno, vista anche la persistente siccità.
    Per come la vedo io sarebbe ormai inutile stapparlo ora, in quanto serve solo per il deflusso delle acque piovane in eccesso e si potrebbe ripresentare lo stesso problema alla prossima libecciata.
    Inoltre ricordo un paio di anni fa una mezza sommossa dei bagnanti che inveivano contro gli operai del consorzio perchè non volevano che il fosso venisse aperto in quanto avrebbe sporcato l’acqua del mare.

    Thumb up 3 Thumb down 0

  • guido la piazza ha scritto:

    @habitué delle saline
    Grazie per la cortese e puntuale risposta.
    Insomma: se il fosso non sfocia, muoiono i pesci; se il fosso sfocia, si sporca il mare (anche più di quanto lo è già, grazia a Mignone e Marta senza adeguata depurazione…). E… fare un bel laghetto a monte …? Oppure tappare il fosso, visto che non serve più…? Oppure… insomma, ragazzi, siamo ben oltre il duemila, siamo andati sulla Luna e quasi su Marte, possibile che non si trova una soluzione…?
    “Un problema è tale solo se ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto”.

    Thumb up 2 Thumb down 0

  • Qui tutto è fermo ha scritto:

    Allora:
    come spiega un ex dipendente delle saline (il cui commento si trova sotto l’articolo su Mencarini, Tajani e compagnia bella), il fosso serviva originariamente per far defluire le acque dolci, così da non compromettere la produzione del sale….
    Benissimo.
    Adesso invece cosa viene scaricato in quel fosso, visto che i bagnanti sono così terrorizzati dal fatto che abbia uno sbocco in mare??
    Si parla di veleni usati in campagna (pesticidi ecc…)
    È vero tutto ciò?
    Se si…perché non ci sono controlli affinché ciò non avvenga?

    Thumb up 2 Thumb down 1

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>