Non solo bici: Vittorio Scappini ci racconta la Tirreno Adriatico vissuta dalla moto della Polizia

Si è conclusa nei giorni scorsi, con la vittoria del colombiano Nairo Quintana, l’edizione numero 52 della Tirreno Adriatico, classica corsa a tappe primaverile che serve a lanciare la stagione del grande ciclismo verso le classiche primaverili, prima tra tutte la Milano-Sanremo in programma sabato prossimo.

Ma assieme ai corridori che hanno completato la corsa dei Due Mari, giungendo a San Benedetto del Tronto, ci sono anche tantissimi professionisti di ogni ambito che si muovono assieme alla colorata carovana: dai tecnici ai meccanici, dai cuochi ai massaggiatori, dai dirigenti ai giornalisti sino a chi deve occuparsi della sicurezza in strada. Tra questi anche Vittorio Scappini, che a bordo delle moto della Polizia da ben 8 edizioni scorta i ciclisti lungo le varie tappe della corsa. Qui l’intervista che gli abbiamo fatto a Montalto, in occasione del passaggio della corsa nella cittadina castrense.

Un commento su Non solo bici: Vittorio Scappini ci racconta la Tirreno Adriatico vissuta dalla moto della Polizia

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>