Tarquinia, la mostra “Archeomusica” si arricchisce dei “Tactus”

Riceviamo e pubblichiamo

Proseguono le attività previste nell’ambito della mostra “Archeomusica”, presente a Tarquinia nella versione “pocket edition”. Oltre ad alcune delle ricostruzioni degli strumenti musicali dell’antica Europa realizzate grazie al progetto EMAP (coordinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Tarquinia e finanziato dal Culture Programme 2013 della Comunità europea), l’esposizione si è recentemente arricchita di nuove installazioni sonore: i “Tactus”, ovvero veri e propri monoliti che grazie ad un complesso apparato informatico connesso a sensori e webcam, emettono suoni all’avvicinarsi delle persone in visita.

I “Tactus”, presenti a Tarquinia in forma sperimentale per essere utilizzati anche nella mostra che sarà organizzata a Roma al Parco dell’Appia Antica dal prossimo 13 ottobre, sono un esempio di installazione sonora interattiva: il visitatore, sfiorando i sei monoliti presenti nell’esposizione, può ascoltare e giocare con i suoni degli antichi strumenti musicali, componendo a proprio piacimento motivi ancestrali. Un modo innovativo per ascoltare ed interagire con i suoni dell’antichità, in una stanza immersiva appositamente studiata e dedicata a queste installazioni.

I “Tactus” sono un progetto elaborato da Alberto Morelli e Stefano Scarani: il primo è compositore e sound designer ed è autore delle registrazioni musicali utilizzate per le installazioni sonore ed insegna all’Accademia di Brera ed al Politecnico di Milano; il secondo è compositore e videomaker, collabora con il Politecnico di Valencia ed insegna elettroacustica al Conservatorio di San Sebastian in Spagna.

La fase realizzativa dei “Tactus” è stata possibile grazie al prezioso apporto prestato dall’Officina dei Mestieri di Tarquinia “Sebastian Matta” e al contributo del DIBAF dell’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, altro partner istituzionale del progetto EMAP.

Oltre ai “Tactus” proseguono le attività divulgative previste nell’ambito di “Archeomusica”: da ricordare infatti le visite guidate organizzate dalle guide dell’Associazione Artetruria che il 7 e il 14 maggio, partendo dalla sede dell’esposizione alle ore 15,30, accompagneranno i visitatori guidandoli fra le ricostruzioni degli strumenti presenti in mostra, fra gli originali conservati al Museo Archeologico Nazionale per finire ai dipinti delle tombe della necropoli dei Monterozzi, con uno specifico percorso dedicato alla musica etrusca.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>