Tarquinia, l’encomio del sindaco ai bagnini Viola Scarito, Tiziano Menichetti, Samuele Narduzzi e Alessandro Rosati

Riceviamo e pubblichiamo

Questa mattina il sindaco di Tarquinia Pietro Mencarini ha consegnato le lettere di encomio ai bagnini del Gruppo Stella. Viola Scarito, Tiziano Menichetti, Samuele Narduzzi e Alessandro Rosati, nella domenica del due luglio, si sono distinti portando in salvo due ragazzi che stavano annegando nel tratto di mare antistante la spiaggia libera tra il Riva Blues e il Gravisca. Il sindaco Mencarini ha voluto ringraziarli a nome di tutta la comunità tarquiniese: “vi esprimo gratitudine e apprezzamento per il grande coraggio dimostrato. Grazie al vostro gesto, di prodezza e professionalità, si è potuta evitare la tragedia. È doveroso elogiare il comprovato altruismo, quale esempio di valore civico, perché non è da tutti rischiare la propria vita per l’incolumità del prossimo”.

8 commenti su Tarquinia, l’encomio del sindaco ai bagnini Viola Scarito, Tiziano Menichetti, Samuele Narduzzi e Alessandro Rosati

  • Una gesto onorevole anche se dovuto visto che sono lì x questo,il primo cittadino di tarquinia non si dovrebbe scomodare rischiamo altrimenti di seguire la linea dei nostri governanti molta facciata ma niente fatti(Napolitano, Renzi Gentiloni che presenziato solo a funerali catastrofi e parate.

    [Non apprezzato] Thumb up 12 Thumb down 19

  • Lettore di Tarquinia ha scritto:

    Quando si salvano vite umane, non si dovrebbe polemizzare signor Sandro ma si dovrebbe solo ringraziare, come ha fatto giustamente il nuovo sindaco. Bene ragazzi siete l’orgoglio di Tarquinia e sicuramente dei genitori dei ragazzi soccorsi che con il vostro coraggio hanno evitato qualche funerale.

    [Apprezzato :)] Thumb up 22 Thumb down 3

  • Lucia Palmero ha scritto:

    La propria vita non ha prezzo e rischiare la prorpia vita per salvarne un’altra é un gesto talmente nobile che nessuno stipendio potrá mai compensare. Trovo che sia nobile anche da parte del Sindaco non venire meno nel riconoscere e sottolineare l’importanza di quello che queste persone meravigliose fanno: donare se stessi per gli altri, ogni giorno. Non è da tutti e infatti non è un mestiere per tutti. Ci pensi seriamente a questo Signor Sandro e sfoghi la sua fristrazione sulla politica magari su cose che veramente sono raccapriccianti. Questi sono gesti nobili, a mio modesto parere.

    [Apprezzato :)] Thumb up 14 Thumb down 2

  • Aria fritta ha scritto:

    @ Sandro
    Perfettamente d’accordo!!!!!
    Tutto molto bello….ma anche i chirurghi salvano quotidianamente vite umane….e non per questo si fanno cerimonie, lettere di encomio e foto inutili ogni volta!!!
    Se anche Mencarini comincia con questa pappardella dei tagli di nastro, cerimonie, elogi, ricevimenti con tanto di “sono molto orgoglioso”….siamo da capo a dodici.
    Vogliamo I FATTI!!
    La famosa Cenerentola, sta aspettando!!!!!

    [Apprezzato :)] Thumb up 11 Thumb down 4

  • Aria fritta ha scritto:

    Io non capisco perché quando si esprime il proprio pensiero si debba essere tacciati (da chi è convinto dell’opposto), come frustrati, depressi o peggio ancora rosiconi!
    I gesti nobili, cara signora Palmero, sono quelli fatti da una persona qualsiasi, un passante ad esempio, che di sua spontanea volontà e spinto da tanto coraggio e altruismo mette a repentaglio la sua vita per salvarne un’altra!
    Il ragazzo che prende il brevetto da bagnino e che d’estate va a fare questo lavoro, sa che DEVE portare in salvo chi magari capita si trovi in difficoltà!
    È il suo dovere! Non può non farlo!

    [Non apprezzato] Thumb up 5 Thumb down 4

  • Onore al merito se il salvataggio proviene da un passante!
    Se il salvattaggio proviene da un bagnino, sembra quasi assurdo farne gli elogi, perché suo dovere, ma visto che mi è capitato di vedere bagnini giocare tutti i pomeriggi a carte perché il loro principale non c’era mai, va detto che questi ragazzi ed anche altri bagnini fanno il loro lavoro seriamente e chi ne ha tratto la salvezza deve esserne davvero grato, così come i loro datori di lavoro e le loro famiglie devono esserne orgogliosi.

    I BAGNANTI dovrebbero invece usare il cervello prima di mettere a repentaglio la vita propria e quella degli altri, quando il mare è mosso e c’è troppa corrente, si formano le buche, vortici dalla forza così potente che impediscono di ritornare a riva. In quel caso, bagnatevi a riva oppure fatevi una doccia o andate in piscina.

    Thumb up 3 Thumb down 0

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono ammessi i seguenti TAG HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>