Nuova viabilità in arrivo: è finita l’età della ghisa?

Tarquinia - Fontana monumentaledi Stefano Tienforti

Lo aveva annunciato a mezzo stampa, alla vigilia della Befana, l’assessore Ranucci, lo ritroviamo negli atti ufficiali (uno e due) sull’albo pretorio del Comune: a breve – fatti salvi i tempi tecnici per approntare le adeguate soluzioni logistiche – a Tarquinia entrerà in vigore un nuovo piano del traffico che, come principale novità, presenterà la creazione di nuove aree pedonali.

In particolare, ad essere interessate dalla proposta di viabilità portata in giunta da Ranucci sono piazza Matteotti e via Garibaldi, che saranno completamente interdette alle auto, la prima con l’esclusione di una carreggiata lasciata libera per raggiungere via San Giuseppe, l’altra per il tratto che va dal Corso sino a via dello Statuto. Saranno escluse al traffico “H24” anche piazza Soderini e via Setaccioli – oltre al tratto di via Vitelleschi che serve a raggiungerle –, piazza Trento e Trieste sarà transitabile ai soli veicoli delle Forze di Polizia mentre ci saranno nuovi orari per il passaggio lungo corso Vittorio Emanuele (sempre transitabile dal primo gennaio al 31 marzo, dal primo aprile al 15 giugno e dal 16 settembre al 31 dicembre sarà isola pedonale dalle 16.30 alle 19.30, mentre dal 16 giugno al 15 settembre dalle 17 alle 20.30; in concomitanza con il mercato settimanale del mercoledì sarà chiuso dalle 6 alle 14).

Al di là dei chiarimenti e degli aggiustamenti che fisiologicamente dovranno essere necessari, pare una soluzione abbastanza soddisfacente per limitare sia il traffico nel centro storico cittadino, sia per contrastare il fenomeno della sosta indiscriminata che – dal punto di vista della vivibilità e dell’immagine cittadina – è fenomeno assolutamente nocivo. Il tutto, senza eccessivi disagi ai residenti di quelle vie che, in realtà, in quelle aree già non potevano parcheggiarci.

A volerci riflettere, però, questa scelta portata avanti e promossa dall’assessore Ranucci è una sorta di sconfitta di una filosofia di cui lui stesso si era, nei cinque precedenti anni d’amministrazione, fatto primo promotore: quella secondo cui per combattere la sosta selvaggia e far la guerra alle auto bisognava riempire le vie di ostacoli, pali, paletti, fioriere e panchine. È, quantomeno, un cambiamento d’opinione: in fondo, l’aver capito che s’è scelta una strada che non funziona, ammetterlo e sceglierne una che si ritiene più funzionale è solo sintomo d’intelligenza.

Certo è che, magari, prima di comprare pali e paletti, semaforini, collezioni in ghisa e così via, si poteva sperimentare questa soluzione – che pare di minor impatto economico ed estetico – ma tant’è: speriamo almeno che quegli ingombri, da via Garibaldi, possano ora finalmente sparire. Che una volta vinta la guerra alle auto, ne si inizi una contro le superflue presenze che quasi ovunque, ormai, spuntano in città.

Bene, benissimo limitare, quanto possibile, le macchine, per far respirare ed ammirare tarquinia a cittadini e turisti senza intoppi visivi: ma lavoriamo, ora, per avere una città del tutto pulita anche da quelle aggiunte di arredo urbano che, con il fascino superbo di Tarquinia, non hanno niente a che vedere.

13 commenti su Nuova viabilità in arrivo: è finita l’età della ghisa?

  • IoAmoTarquinia ha scritto:

    La dote che dovrebbe contraddistinguere un buon amministratore della cosa pubblica credo debba essere la lungimiranza. Dopo cinque anni di assessorato e dopo essersi di nuovo presentato e rieletto con il fine di concludere il lavoro iniziato, mi viene il sospetto che non abbia chiaro quale obiettivo voglia raggiungere. Abbiamo accettato l’imbruttimento di piazze meravigliose con panchine inutilizzate e quintali di ghisa (Piazza Belvedere è diventato un luogo asettico e non fruibile, una grande piazza che per com’è stata “restaurata” non trova possibilità di utilizzo da parte della collettività; Piazza delle Erbe, deturpata e snaturata) ed ora dopo questa decisione (che comunque condivido) cosa ci faremo con tutti quei bei paletti, catenelle e fioriere?! Per piacere sig.ri Amministratori pubblici: sappiate gestire meglio le sempre minori risorse e soprattutto……LUNGIMIRANZA!!!!!!

    [Apprezzato :)] Thumb up 22 Thumb down 2

  • Le aree pedonali utili a far ammirare le bellezze architettoniche, ma a chi? Infatti, Tarquinia pullula di turisti da mattina a sera? Ma quando? Forse qualcuno durante la bella stagione si vede, ma la città è dei tarquiniesi, non dei turisti! In via Garibaldi è impossibile parcheggiare, sicuramente piazza Matteotti è più permissiva, ma fino adesso chi ha parcheggiato in sosta vietata ha sbagliato ed è stato spesso graziato, visto che il comando dei vigili urbani è proprio lì. Per colpa di molti, ne fanno le spese tanti altri. Il vantaggio sarà solo per quei 4 anziani che si sollazzano attorno al comune e che non dovranno più respirare CO,ottima faccenda, ma sono stati spesi soldi per recinti, fioriere e quant’altro e ora andrebbe tutto cestinato? Sottolineo che tale arredo non mi soddisfa, specialmente la palizzata di ferro, ma tanti cambiamenti alla viabilità a cui siamo sottoposti da anni, sembrano solo dei capricci. Una mattina ci si sveglia e si dice:” Oggi ho deciso, voglio cambiare il senso della viabilità in via Dei Fessi, domani metterò due fioriere in via Degli Stupidi, tanto i tarquiniesi dormono!”
    Io non sono a favore della sosta selvaggia, ma della raggiungibilità e percorrere quelle strade in certi orari fa molto comodo, per tanti motivi che non mi va di spiegare.
    Spero tanto. che questi cambiamenti non apportino altra desertificazione del centro storico e che per i commercianti non voglia significare “chiusura”. Pace e bene!

    [Apprezzato :)] Thumb up 18 Thumb down 2

  • "avvelenato" ha scritto:

    finirà tutto nella “discarica” della cartiera! dove ci sono già vecchi cartelli, le vecchie sedie del cinema, vecchi cassonetti ed altre interessanti “collezioni” anche di cose comprate e ancora imballate in balia dei topi e sotto gli escrementi dei piccioni? spazio ce n’è tanto e se penso poi che il comune non ha neanche risposto alle aziende che hanno presentato progetti per decine di milioni di investimenti privati per riqualificarla creando centinaia di posti di lavoro, allora si che sono “avvelenato” di nome e di fatto (vedi questione arsenico) per colpa di questa amministrazione comunale che meriterebbe di finire anch’essa abbandonata in quel posto.

    [Apprezzato :)] Thumb up 16 Thumb down 0

  • heinrichboll ha scritto:

    per vbb: lei invita a pensare più ai tarquiniesi, che vivono tutti i giorni qui, piuttosto che agli occasionali turisti: d’accordo con lei; proprio per questo a me fa piacere la creazione di spazi pedonali in centro, perchè ne possiamo godere prima di tutto noi abitanti. Io non abito al centro, ma poco lontano e passeggio più volentieri in una strada senza macchine; quando passo per via Garibaldi sento quasi sempre il puzzo nell’aria degli scarichi dei motori. La storia che la chiusura al traffico danneggerebbe i commercianti l’ho sentita spesso, ma non l’ho mai capita: la gente passeggia più volentieri in una strada libera dal traffico e per l’esempio di via Garibaldi già oggi non potendo parcheggiare deve raggiungerla a piedi. E passeggiando più volentieri, e quindi più numerosa, si ferma più spesso nei negozi. Posso capire le preoccupazioni del commerciante che vende cose pesanti come per es. elettrodomestici, ma sono veramente pochi in centro e possono ovviare con la consegna gratuita a domicilio.

    [Non apprezzato] Thumb up 5 Thumb down 4

  • Spappolato ha scritto:

    Signori non abbiate timore: L’Assessore Ranucci ha già pronta una soluzione per il proficuo recupero degli arredi urbani oramai inutilizzati: I mammozzoni con catene, saranno venduti a qualche locale sado maso, per la gioia degli amanti del genere, le panchine in ghisa saranno spedite a Holliwood e lì impiegate nel film “Trasformers 4” di prossima uscita e le meravigliose fioriere saranno regalate alla Cina e andranno ad abbellire la muraglia cinese, magari riempite di piantine officinali con funzioni purgative. Per aiutare gli sforzi del popolo. Tutto si crea, nulla si distrugge.

    [Apprezzato :)] Thumb up 14 Thumb down 0

  • ahahah! sempre a lamentasse, li paletti no, le catenelle no, le panchine?nooooo!
    se lamentamo che li turisti nun ce sò, e che nun se lavora, ma noi dall’altro canto, cosa facciamo per favorire il turismo?
    Certo la città è de li tarquiniesi, ma li sordi pe le opere pubbliche chi le da a li tarquiniesi? al che uno risponderebbe: le tasse! vero, ansi verissimo, ma molti contributi si hanno avuti dall’Europa e dall’UNESCO.
    Il fatto degli abbellimenti pubblici dovrebbe essere visto come una cosa buona, magari la nostra amministrazione, potrebbe fare le cose secondo un certo criterio logico, il che succede poche volte purtroppo, ma non vedo questi abbellimenti come una minaccia e poi scusate ma se viene qualche turista che a li tarquiniesi ie lascia pure du’ sordi, ma che ce fa schifo sta cosa? volemo lavorà, poi uno propone la chiusura pe dì di qualche zona, per incentivare le attività in quel posto, far si che uno si sposti a piedi pe vedelle tutte è ma no nun va bene, perchè no tarquiniesi pe fa quarcosa ce dovemo avè la macchina sotto ar culo! ahahah! magari l’amministrazione prima de pià codeste decisioni potrebbe creare quei servizi per il cittadino che nonostante tanti progetti, ancora non abbiamo, qualei parcheggi, sappiamo tutti che gli attuali nun bastano manco pei residenti del centro, e servizi di trasporto adeguati per muoversi nel centro storico. Mentre riguardo a li turisti, ci sono meraviglie di Tarquinia delle quali tanti non sono neanche al corrente della lor esistenza, perchè non far si che queste siano aperte al pubblico?Magari mettiamoci daccordo co i commercianti per esempio che alle scuole si faccia non so, quel 10% di sconto?Inviare gli inviti per visitare la nostra città non solo alle scuole delle zone limitrofe, ma inviarli ben oltre.
    Parliamo tanto di Tarquinia città turistica, ma pò non se vole tenè ne scorticà!
    cari amici cittadini tante volte evitamo de lamentasse e cara amministrazione, cercate de fa le cose cor cervello e no co n’altra cosa grazie!

    [Non apprezzato] Thumb up 3 Thumb down 7

  • Condivido con quanto detto da Pasquino e da altri che appoggiano la costruzione di nuove isole pedonali. Chi parla dei pochi turisti che ci sono a Tarquinia, o parla in malafede, oppure è poco informato. L’economia di Tarquinia è fondata ancora su sue fondamentali entrate: Agricoltura e tutto l’indotto (da chi vende le macchine agricole, a chi trasporta le merci a chi vende sementi e concimi, ecc.. ecc) e dal turismo, vedi alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari, ecc… ecc… Basta fare un giro durante le feste, parlare con qualche ristoratore, uscire la domenica mattina per Tarquinia (il tarquiniese è più facile trovarlo a casa) ed accorgersi che chi gira sono soltanto i turisti. Quindi abbiamo tutto ciò che oggi si chiede a chi vuole rilanciare l’economia: territorio ed i suoi prodotti, turismo: un connubio che potrebbe essere un volano per la nostra piccola economia. Ben venga tutto ciò che renda più ospitale la nostra cittadina.

    da un cittadino che vive in zona coop ed è costretto comunque a prendere la macchina per andare in paese.

    [Non apprezzato] Thumb up 4 Thumb down 8

  • troppo poco per chi li ha' votati ha scritto:

    Vi ricordate nel 2007 quando Mazzola Ranucci e Leoncelli , si schierarono contro giulivi per la chiusura del centro storico? addirittura Maurizio leoncelli presento’ una lista di commercianti contrari all’anomala decisione di allora.Oggi che fine hanno fatto? va bhe Mazzola dopo le strisce blu ed il cinema per la centrale, ormai non ci stupisce piu’ .. Ranucci che parliamo a fa’… Ma Leoncelli oggi consigliere di maggioranza vorra’ dire la sua in merito….. o lo hanno imbalsamato sulla sedia del consiglio?
    I consiglieri di maggiornza possono parlare o li devono essere autorizzati prima da celli Ranucic e Mazzola?io bho’ ma che si candidano a fare””???!!poi dopo quando la prossima tornata prendono 5 voti lamentano…

    [Apprezzato :)] Thumb up 21 Thumb down 3

  • Tutti hanno sempre pensato a come cambiare o migliorare la viabilità.
    Ora, camminare fa bene, ma non possiamo chiudere l’intero paese e proporre solo 2 strade da percorrere con l’auto, allungare le mete, sprecare benzina per raggiungere un posto, non tutti sono giovani e aitanti!
    In conclusione, a me e la mia famiglia l’auto fa più che comodo.
    Convogliare il traffico in pochissime vie, mi pare un assurdità, pure per lo smog incrementato esclusivamente a determinate zone.
    Certo che altre idee non posso venire, perché mancano i soldi,però se si potesse, invece di pensare alle isole pedonali, piuttosto sistemerei qualche buca lungo le strade, asfalterei, metterei sampietrini in altre vie del centro, porrei delle luminarie più forti in certi vicoli bui,provvederei allo spegnimento di qualche lampione acceso anche di giorno, farei pulire le banchine delle strade di ingresso al paesello, che sembrano “giungle”, per le quali non si fa proprio una bella figura!
    In definitiva,si tratta di “piccoli dettagli” a beneficio di tutti, compresi i turisti.

    [Apprezzato :)] Thumb up 8 Thumb down 2

  • I piccoli dettagli di cui parla vvb non hanno la visibilità degli interventi operati e “operandi” da questa amministrazione,anche se ne condivido pienamente l’utilità…
    Purtroppo non comprendo i vantaggi della realizzazione delle isole pedonali(a parte la questione del traffico.giusta per carità!!!) ,qual è il piacere che prova il turista passeggiando beatamente a via Garibaldi o lungo il Corso? Qual è il piacere dei cittadini che contribuiscono con le loro tasse a quelli che dovrebbero essere miglioramenti dagli stessi fruibili?!!!Va bene non si respira lo smog…e dunque ci si preoccupa per la salute pubblica? E la coerenza…?Quella non conta? La salute pubblica esiste solo quando quest’amministrazione se ne ricorda…a volte si,a volte no?!!! E ancora,non dovremmo invitare i turisti a visitare in santa pace il centro storico che non è propriamente sito in via Garibaldi o al Corso (o almeno,non solo)? Poi,sembra proprio che l’interesse degli addetti alla cosa pubblica sia concentrato nell’area compresa tra queste due vie….negli altri quartieri può succedere di tutto,traffico e parcheggi selvaggi a gogò,grandi marciapiedi e macchine parcheggiate dall’altro lato,restringono pericolosamente le carreggiate…ma che importa…E’ un po’ come abitare in una casa dove chi fa le pulizie nasconde la polvere sotto il tappeto….A quando,infine,la bella notizia di parcheggi funzionali,raggiungibili e a portata di cittadino(giovane o anziano che sia)?

    [Apprezzato :)] Thumb up 7 Thumb down 0

  • Ma una volta non c’erano i cosiddetti “vigli urbani” in questo paese?… con penna e libretto che, una volta finito il servizio all’uscita delle scuole, potrebbero benissimo vigilare al controllo della sosta selvaggia, aiutati da una ZTL al limite… un ritorno al passato? no eh? ciò provato!!

    Thumb up 0 Thumb down 5

  • la colpa è di chi li ha votati ha scritto:

    In poche parole x chi abita in via garibaldi e nelle zone limitrofe consiglio di imparare a volare…pensate a quante famiglie e persone anziane ci sono in queste zone come faranno con la spesa….bè forse una risposta c’è……il ” nostro” o meglio il vostro amico in comune vi porteranno la spesa a casa….

    [Apprezzato :)] Thumb up 10 Thumb down 1

  • Freddi condivido tutto quello che hai scritto, però hai menzionato gli altri quartieri, dove è impossibile trovare parcheggio, specialmente in certi orari. I parcheggi non sono sufficienti, ora se tutti rispettassero i divieti di sosta, bisognerebbe andare a parcheggiare, per assurdo, alla Roccaccia!
    I divieti di sosta sono stati collocati quasi ovunque; calcolando che quasi ogni cittadino ha una macchina a testa, secondo voi se esistono più o meno 10 000 posti auto?
    Le strade di Tarquinia, ultimamente sono state ristrette dai nuovi marciapiedi, per la salvaguardia dei pedoni, anche dove la gente non passa mai, perché mi pare di capire che le strade larghe, ad alcuni, fanno schifo.
    Come dobbiamo fare?

    [Apprezzato :)] Thumb up 9 Thumb down 1

  • IoAmoTarquinia

    La dote che dovrebbe contraddistinguere un buon amministratore della cosa pubblica credo debba essere la lungimiranza. Dopo cinque anni di assessorato e dopo essersi di nuovo presentato e rieletto con il fine di concludere il lavoro iniziato, mi viene il sospetto che non abbia chiaro quale obiettivo voglia raggiungere. Abbiamo accettato l’imbruttimento di piazze meravigliose con panchine inutilizzate e quintali di ghisa (Piazza Belvedere è diventato un luogo asettico e non fruibile, una grande piazza che per com’è stata “restaurata” non trova possibilità di utilizzo da parte della collettività; Piazza delle Erbe, deturpata e snaturata) ed ora dopo questa decisione (che comunque condivido) cosa ci faremo con tutti quei bei paletti, catenelle e fioriere?! Per piacere sig.ri Amministratori pubblici: sappiate gestire meglio le sempre minori risorse e soprattutto……LUNGIMIRANZA!!!!!!

    [Apprezzato :)] Thumb up 22 Thumb down 2

  • vvb

    Le aree pedonali utili a far ammirare le bellezze architettoniche, ma a chi? Infatti, Tarquinia pullula di turisti da mattina a sera? Ma quando? Forse qualcuno durante la bella stagione si vede, ma la città è dei tarquiniesi, non dei turisti! In via Garibaldi è impossibile parcheggiare, sicuramente piazza Matteotti è più permissiva, ma fino adesso chi ha parcheggiato in sosta vietata ha sbagliato ed è stato spesso graziato, visto che il comando dei vigili urbani è proprio lì. Per colpa di molti, ne fanno le spese tanti altri. Il vantaggio sarà solo per quei 4 anziani che si sollazzano attorno al comune e che non dovranno più respirare CO,ottima faccenda, ma sono stati spesi soldi per recinti, fioriere e quant’altro e ora andrebbe tutto cestinato? Sottolineo che tale arredo non mi soddisfa, specialmente la palizzata di ferro, ma tanti cambiamenti alla viabilità a cui siamo sottoposti da anni, sembrano solo dei capricci. Una mattina ci si sveglia e si dice:” Oggi ho deciso, voglio cambiare il senso della viabilità in via Dei Fessi, domani metterò due fioriere in via Degli Stupidi, tanto i tarquiniesi dormono!”
    Io non sono a favore della sosta selvaggia, ma della raggiungibilità e percorrere quelle strade in certi orari fa molto comodo, per tanti motivi che non mi va di spiegare.
    Spero tanto. che questi cambiamenti non apportino altra desertificazione del centro storico e che per i commercianti non voglia significare “chiusura”. Pace e bene!

    [Apprezzato :)] Thumb up 18 Thumb down 2

  • “avvelenato”

    finirà tutto nella “discarica” della cartiera! dove ci sono già vecchi cartelli, le vecchie sedie del cinema, vecchi cassonetti ed altre interessanti “collezioni” anche di cose comprate e ancora imballate in balia dei topi e sotto gli escrementi dei piccioni? spazio ce n’è tanto e se penso poi che il comune non ha neanche risposto alle aziende che hanno presentato progetti per decine di milioni di investimenti privati per riqualificarla creando centinaia di posti di lavoro, allora si che sono “avvelenato” di nome e di fatto (vedi questione arsenico) per colpa di questa amministrazione comunale che meriterebbe di finire anch’essa abbandonata in quel posto.

    [Apprezzato :)] Thumb up 16 Thumb down 0

  • heinrichboll

    per vbb: lei invita a pensare più ai tarquiniesi, che vivono tutti i giorni qui, piuttosto che agli occasionali turisti: d’accordo con lei; proprio per questo a me fa piacere la creazione di spazi pedonali in centro, perchè ne possiamo godere prima di tutto noi abitanti. Io non abito al centro, ma poco lontano e passeggio più volentieri in una strada senza macchine; quando passo per via Garibaldi sento quasi sempre il puzzo nell’aria degli scarichi dei motori. La storia che la chiusura al traffico danneggerebbe i commercianti l’ho sentita spesso, ma non l’ho mai capita: la gente passeggia più volentieri in una strada libera dal traffico e per l’esempio di via Garibaldi già oggi non potendo parcheggiare deve raggiungerla a piedi. E passeggiando più volentieri, e quindi più numerosa, si ferma più spesso nei negozi. Posso capire le preoccupazioni del commerciante che vende cose pesanti come per es. elettrodomestici, ma sono veramente pochi in centro e possono ovviare con la consegna gratuita a domicilio.

    [Non apprezzato] Thumb up 5 Thumb down 4

  • Spappolato

    Signori non abbiate timore: L’Assessore Ranucci ha già pronta una soluzione per il proficuo recupero degli arredi urbani oramai inutilizzati: I mammozzoni con catene, saranno venduti a qualche locale sado maso, per la gioia degli amanti del genere, le panchine in ghisa saranno spedite a Holliwood e lì impiegate nel film “Trasformers 4” di prossima uscita e le meravigliose fioriere saranno regalate alla Cina e andranno ad abbellire la muraglia cinese, magari riempite di piantine officinali con funzioni purgative. Per aiutare gli sforzi del popolo. Tutto si crea, nulla si distrugge.

    [Apprezzato :)] Thumb up 14 Thumb down 0

  • Pasquino

    ahahah! sempre a lamentasse, li paletti no, le catenelle no, le panchine?nooooo!
    se lamentamo che li turisti nun ce sò, e che nun se lavora, ma noi dall’altro canto, cosa facciamo per favorire il turismo?
    Certo la città è de li tarquiniesi, ma li sordi pe le opere pubbliche chi le da a li tarquiniesi? al che uno risponderebbe: le tasse! vero, ansi verissimo, ma molti contributi si hanno avuti dall’Europa e dall’UNESCO.
    Il fatto degli abbellimenti pubblici dovrebbe essere visto come una cosa buona, magari la nostra amministrazione, potrebbe fare le cose secondo un certo criterio logico, il che succede poche volte purtroppo, ma non vedo questi abbellimenti come una minaccia e poi scusate ma se viene qualche turista che a li tarquiniesi ie lascia pure du’ sordi, ma che ce fa schifo sta cosa? volemo lavorà, poi uno propone la chiusura pe dì di qualche zona, per incentivare le attività in quel posto, far si che uno si sposti a piedi pe vedelle tutte è ma no nun va bene, perchè no tarquiniesi pe fa quarcosa ce dovemo avè la macchina sotto ar culo! ahahah! magari l’amministrazione prima de pià codeste decisioni potrebbe creare quei servizi per il cittadino che nonostante tanti progetti, ancora non abbiamo, qualei parcheggi, sappiamo tutti che gli attuali nun bastano manco pei residenti del centro, e servizi di trasporto adeguati per muoversi nel centro storico. Mentre riguardo a li turisti, ci sono meraviglie di Tarquinia delle quali tanti non sono neanche al corrente della lor esistenza, perchè non far si che queste siano aperte al pubblico?Magari mettiamoci daccordo co i commercianti per esempio che alle scuole si faccia non so, quel 10% di sconto?Inviare gli inviti per visitare la nostra città non solo alle scuole delle zone limitrofe, ma inviarli ben oltre.
    Parliamo tanto di Tarquinia città turistica, ma pò non se vole tenè ne scorticà!
    cari amici cittadini tante volte evitamo de lamentasse e cara amministrazione, cercate de fa le cose cor cervello e no co n’altra cosa grazie!

    [Non apprezzato] Thumb up 3 Thumb down 7

  • Max

    Condivido con quanto detto da Pasquino e da altri che appoggiano la costruzione di nuove isole pedonali. Chi parla dei pochi turisti che ci sono a Tarquinia, o parla in malafede, oppure è poco informato. L’economia di Tarquinia è fondata ancora su sue fondamentali entrate: Agricoltura e tutto l’indotto (da chi vende le macchine agricole, a chi trasporta le merci a chi vende sementi e concimi, ecc.. ecc) e dal turismo, vedi alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari, ecc… ecc… Basta fare un giro durante le feste, parlare con qualche ristoratore, uscire la domenica mattina per Tarquinia (il tarquiniese è più facile trovarlo a casa) ed accorgersi che chi gira sono soltanto i turisti. Quindi abbiamo tutto ciò che oggi si chiede a chi vuole rilanciare l’economia: territorio ed i suoi prodotti, turismo: un connubio che potrebbe essere un volano per la nostra piccola economia. Ben venga tutto ciò che renda più ospitale la nostra cittadina.

    da un cittadino che vive in zona coop ed è costretto comunque a prendere la macchina per andare in paese.

    [Non apprezzato] Thumb up 4 Thumb down 8

  • troppo poco per chi li ha’ votati

    Vi ricordate nel 2007 quando Mazzola Ranucci e Leoncelli , si schierarono contro giulivi per la chiusura del centro storico? addirittura Maurizio leoncelli presento’ una lista di commercianti contrari all’anomala decisione di allora.Oggi che fine hanno fatto? va bhe Mazzola dopo le strisce blu ed il cinema per la centrale, ormai non ci stupisce piu’ .. Ranucci che parliamo a fa’… Ma Leoncelli oggi consigliere di maggioranza vorra’ dire la sua in merito….. o lo hanno imbalsamato sulla sedia del consiglio?
    I consiglieri di maggiornza possono parlare o li devono essere autorizzati prima da celli Ranucic e Mazzola?io bho’ ma che si candidano a fare””???!!poi dopo quando la prossima tornata prendono 5 voti lamentano…

    [Apprezzato :)] Thumb up 21 Thumb down 3

  • vvb

    Tutti hanno sempre pensato a come cambiare o migliorare la viabilità.
    Ora, camminare fa bene, ma non possiamo chiudere l’intero paese e proporre solo 2 strade da percorrere con l’auto, allungare le mete, sprecare benzina per raggiungere un posto, non tutti sono giovani e aitanti!
    In conclusione, a me e la mia famiglia l’auto fa più che comodo.
    Convogliare il traffico in pochissime vie, mi pare un assurdità, pure per lo smog incrementato esclusivamente a determinate zone.
    Certo che altre idee non posso venire, perché mancano i soldi,però se si potesse, invece di pensare alle isole pedonali, piuttosto sistemerei qualche buca lungo le strade, asfalterei, metterei sampietrini in altre vie del centro, porrei delle luminarie più forti in certi vicoli bui,provvederei allo spegnimento di qualche lampione acceso anche di giorno, farei pulire le banchine delle strade di ingresso al paesello, che sembrano “giungle”, per le quali non si fa proprio una bella figura!
    In definitiva,si tratta di “piccoli dettagli” a beneficio di tutti, compresi i turisti.

    [Apprezzato :)] Thumb up 8 Thumb down 2

  • Freddi

    I piccoli dettagli di cui parla vvb non hanno la visibilità degli interventi operati e “operandi” da questa amministrazione,anche se ne condivido pienamente l’utilità…
    Purtroppo non comprendo i vantaggi della realizzazione delle isole pedonali(a parte la questione del traffico.giusta per carità!!!) ,qual è il piacere che prova il turista passeggiando beatamente a via Garibaldi o lungo il Corso? Qual è il piacere dei cittadini che contribuiscono con le loro tasse a quelli che dovrebbero essere miglioramenti dagli stessi fruibili?!!!Va bene non si respira lo smog…e dunque ci si preoccupa per la salute pubblica? E la coerenza…?Quella non conta? La salute pubblica esiste solo quando quest’amministrazione se ne ricorda…a volte si,a volte no?!!! E ancora,non dovremmo invitare i turisti a visitare in santa pace il centro storico che non è propriamente sito in via Garibaldi o al Corso (o almeno,non solo)? Poi,sembra proprio che l’interesse degli addetti alla cosa pubblica sia concentrato nell’area compresa tra queste due vie….negli altri quartieri può succedere di tutto,traffico e parcheggi selvaggi a gogò,grandi marciapiedi e macchine parcheggiate dall’altro lato,restringono pericolosamente le carreggiate…ma che importa…E’ un po’ come abitare in una casa dove chi fa le pulizie nasconde la polvere sotto il tappeto….A quando,infine,la bella notizia di parcheggi funzionali,raggiungibili e a portata di cittadino(giovane o anziano che sia)?

    [Apprezzato :)] Thumb up 7 Thumb down 0

  • ZTL

    Ma una volta non c’erano i cosiddetti “vigli urbani” in questo paese?… con penna e libretto che, una volta finito il servizio all’uscita delle scuole, potrebbero benissimo vigilare al controllo della sosta selvaggia, aiutati da una ZTL al limite… un ritorno al passato? no eh? ciò provato!!

    Thumb up 0 Thumb down 5

  • la colpa è di chi li ha votati

    In poche parole x chi abita in via garibaldi e nelle zone limitrofe consiglio di imparare a volare…pensate a quante famiglie e persone anziane ci sono in queste zone come faranno con la spesa….bè forse una risposta c’è……il ” nostro” o meglio il vostro amico in comune vi porteranno la spesa a casa….

    [Apprezzato :)] Thumb up 10 Thumb down 1

  • vvb

    Freddi condivido tutto quello che hai scritto, però hai menzionato gli altri quartieri, dove è impossibile trovare parcheggio, specialmente in certi orari. I parcheggi non sono sufficienti, ora se tutti rispettassero i divieti di sosta, bisognerebbe andare a parcheggiare, per assurdo, alla Roccaccia!
    I divieti di sosta sono stati collocati quasi ovunque; calcolando che quasi ogni cittadino ha una macchina a testa, secondo voi se esistono più o meno 10 000 posti auto?
    Le strade di Tarquinia, ultimamente sono state ristrette dai nuovi marciapiedi, per la salvaguardia dei pedoni, anche dove la gente non passa mai, perché mi pare di capire che le strade larghe, ad alcuni, fanno schifo.
    Come dobbiamo fare?

    [Apprezzato :)] Thumb up 9 Thumb down 1